Archivi tag: Canto

Canzone d’amore

comp-7

Il tuo viso è come una luna che splende sulla terra,

Come una densa notte s’intrecciano i tuoi grappoli;

Le mele del paradiso sono i tuoi templi,

E tuoi occhi profondi dal mare ti sono stati prestati.

Hai le sopracciglia arcuate e scuri, gli occhi scuri, amore mio;

senza pari sei tra le ragazze innumerevoli della terra.

Tue ciglia sono frecce al mio cuore;

La tua bocca è un tulipano umido, pieno di perle.

NAHABED KOUTCHAK

Era un poeta armeno, che visse nella seconda metà del 15 ° secolo.

Anche se ha scritto solo canzoni d’amore, egli è venerato come un santo, e la sua tomba vicino a Van è un luogo di pellegrinaggio.

Lascia un commento

Archiviato in Letteratura, Poesia

Il canto degli uccelli

Il canto degli uccelli

I discepoli facevano molte domande su Dio.

Il Maestro disse: “Dio è ignoto, e inconoscibile,

ogni affermazione che lo riguardi,

ogni risposta alle vostre domande,

è una distorsione della verità.”

I discepoli rimasero perplessi.

“Ma allora perché parli di lui?”

“Perché cantano gli uccelli?”, disse il Maestro.

Un uccello non canta perché ha qualche dichiarazione da fare.

Canta perché ha una canzone.

Le parole dell’erudito devono essere comprese.

Le parole del maestro, non si devono comprendere,

bisogna ascoltarle come si ascolta il vento tra gli alberi

e il rumore del fiume

e il canto degli uccelli.

Esse risveglieranno nel cuore

qualcosa che è al di là di ogni conoscenza.

Il canto degli uccelli

Anthony de Mello

Lascia un commento

Archiviato in Anthony de Mello, Il canto degli uccelli

Portami il flauto e Canta!

Portami il flauto e Canta!

Portami il flauto e canta!

poiché nel canto sta il mistero dell’eternità…

E il gemito del flauto rimane

anche dopo la fine dell’esistenza…

Hai scelto la foresta,

come dimora piuttosto che i palazzi?

Hai scalato i ruscelli e le rocce?

Ti sei bagnato nel profumo

e poi ti sei asciugato con la luce del sole?

Hai assaggiato il vino del mattino

da coppe di etere?

Portami il flauto e canta

che è il mistero dell’eternità…

E il gemito del flauto rimane

anche dopo la fine della vita…

Ti sei seduto da solo al tramonto tra i grappoli

appesi come lampadari d’oro…?

Hai fatto dell’erba il tuo letto per la notte?

Ti sei avvolto nell’aria serale

e preso il cielo per coperta?

In modo da poter consentire al futuro di venire

e lasciare andare il passato?

Portami il flauto e canta

in modo che i nostri cuori possano essere in equilibrio…

E il gemito del flauto rimane

anche dopo la fine di tutti i peccati…

Portami il flauto e canta

E dimentica le malattie e le loro cure…

poiché le persone non sono che

delle linee di poesia scritte, ma con acqua.

Khalil Gibran (جبران خليل جبران o Jibrān Khalīl Jibrān)

(Bsharri, 6 gennaio
1883New York, 10 aprile
1931)

Gibran è stato un poeta, pittore e filosofo
libanese.

Libanese di religione cristiano-maronita emigrò negli Stati Uniti;

le sue opere si diffusero ben oltre il suo paese d’origine:

fu tra i fondatori, insieme a Mikha’il Nu’ayma, dell’ Associazione degli scrittori,

punto d’incontro dei letterati arabi emigrati in America.

La sua poesia venne tradotta in oltre 20 lingue,

e divenne un mito per i giovani che considerarono le sue opere come breviari mistici.

Gibran ha cercato di unire nelle sue opere la civiltà occidentale e quella orientale.

Fra le opere più note: Il Profeta e Massime spirituali.

Lascia un commento

Archiviato in Letteratura, Poesia