Talento

Talento

Se solo avessi toccato un violino

Allora Mozart…

Chi sei?

Lascia un commento

Archiviato in Poesia

Quando è l’eternità!

Quando è l’eternità!

Ha detto: “Spero di vederti presto!”

Ho risposto: “Se tu verrai presto, tu mi vedrai presto…”

In caso contrario, se verrai dopo 2 o 3 giorni…

Tu mi incontrerai dopo 2 o 3 eternità!

1 Commento

Archiviato in Pensieri Liberi

Tradizioni

Tradizioni

Ogni imitazione implica una falsificazione!

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri Liberi

La preghiera

La preghiera

Quando pregate e chiedere qualcosa a Dio,

ciò significa che si sta cercando di convincere Dio che:

Avete ragione!

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri Liberi

Privacy

Mistero

È troppo evidente e chiaro

Per essere un segreto o un mistero!

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri Liberi

L’uovo d’aquila

Messaggio per un Aquila che si crede pollo

Un uomo trovò un uovo d’aquila e lo mise nel nido di una chioccia.

L’uovo si schiuse contemporaneamente a quelle della covata, e l’aquilotto crebbe insieme ai pulcini.

Per tutta la vita l’aquila fece quel che facevano i polli del cortile, pensando di essere uno di loro.

Frugava il terreno in cerca di vermi e insetti, chiocciava e schiamazzava, scuoteva le ali alzandosi da terra di qualche decimetro.

Trascorsero gli anni, e l’aquila divenne molto vecchia.

Un giorno vide sopra di sé, nel cielo sgombro di nubi, uno splendido uccello che planava,

maestoso ed elegante, in mezzo alle forti correnti d’aria, muovendo appena le robuste ali dorate.

La vecchia aquila alzò lo sguardo, stupita.

«Chi è quello?» chiese.

«É l’aquila, il re degli uccelli», rispose il suo vicino.

«Appartiene al cielo.

Noi invece apparteniamo alla terra, perché siamo polli.

Messaggio per un Aquila che si crede pollo

Anthony de Mello

Lascia un commento

Archiviato in Anthony de Mello, Messaggio per un’aquila che si crede un pollo

Impavidità

Impavidità

«Cos’è l’amore?».

«L’assenza totale di paura», disse il maestro.

«E cos’è che temiamo?».

«L’amore», rispose il maestro.

Un minuto di saggezza

Anthony de Mello

2 commenti

Archiviato in Anthony de Mello, Un minuto di saggezza

Non cambiare!

52

 

Non cambiare!

Per anni sono stato un nevrotico.

Ero ansioso, depresso ed egoista.

E tutti continuavano a dirmi di cambiare.

E tutti continuavano a dirmi quanto fossi nevrotico.

E io mi risentivo con loro, ed ero d’accordo con loro, e volevo cambiare,

ma non ci riuscivo, per quanto mi sforzassi.

Ciò che mi faceva più male era che anche il mio migliore amico continuava a dirmi quanto fossi nevrotico.

Anche lui continuava a insistere che cambiassi.

E io ero d’accordo anche con lui, e non riuscivo ad avercela con lui.

E mi sentivo così impotente e intrappolato.

Poi, un giorno, mi disse: “Non cambiare. Rimani come sei.

Non importa se cambi o no.

Io ti amo così come sei; non posso fare a meno di amarti”.

Quelle parole suonarono come una musica per le mie orecchie:

“Non cambiare. Non cambiare. Non cambiare… Ti amo”.

E mi rilassai.

E mi sentii vivo.

E, oh meraviglia delle meraviglie, cambiai!

Ora so che non potevo cambiare davvero finché non avessi trovato qualcuno che mi avrebbe amato, che fossi cambiato o meno.

È così che mi ami, Dio?

Il canto degli uccelli

Anthony de Mello

Lascia un commento

Archiviato in Anthony de Mello, Il canto degli uccelli

L’impatto delle invenzioni

L’impatto delle invenzioni

 

Le invenzioni, le scoperte e le tecnologie…

Hanno reso più facile la nostra vita, questo è vero!

Ma non hanno migliorare la qualità della vita umana!

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri Liberi

Identità

Chi sono?

 

Sono colui che sono

&

Sono colui che non lo sono!

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri Liberi